Ultime News:
Inaugurazione Percorso Espositivo -             PROGETTO TERESA BELLOC - RINVIATO -             PREMIO LIA TRUCCO 2020 - RINVIATO al 4,5 e 6 settembre 2020 -             CORONAVIRUS: LEZIONI SOSPESE -             FESTIVAL PIANISTICO -RINVIATO -             MASTERCLASS DI PIANOFORTE con Andrei Ivanovitch - Savigliano -            

Chiara Cesano

Chiara Cesano

Si diploma in viola, presso il Conservatorio Statale “G.F. Ghedini” di Cuneo, nel 2010 formandosi presso il Civico Istituto Musicale “A. Vivaldi” di Busca. Dal 2008 ha collaborato con l’orchestra sinfonica “B. Bruni” di Cuneo e alcuni ensemble camieristici.

Accanto all’ambiente classico, collabora e ha collaborato con formazioni che propongono generi musicali differenti, quali folk tradizionale, rock, occitano, musica leggera, ….

Dal 2002 ha fatto parte del gruppo folk tradizionale “Trigomigo”, con cui ha realizzato nel 2008 “Scuzà-ou aquì”, prodotto dalla casa discografica piemontese Folkclub Ethnosuoni.

Dal 2003 fa parte del gruppo nufolk “Lou Tapage” con loro ha realizzato: “Lou Tapage” (2005) sotto l’etichetta Videoradio; “Reve etèrne” (2007) e “Que vos lei far” (2009) entrambi prodotti dall’etichetta friulana Folkest; “Storia di un impiegato” (2010) rivisitazione in lingua occitana del famoso album di Faber; “Finisterre” (2013) e “Live – CPA Firenze Sud” (2015). Con Lou Tapage ha partecipato, tra gli appuntamenti più importanti, a: Bustofolk, Capodanno Celtico, Colonia Sonora, Folkest, M.E.I di Faenza, Collisioni… Nel 2014, il gruppo è stato vincitore del concorso nazionale “Risonando DeAndrè” ed è arrivato in finale nel concorso di RadioCapital: “CapiTalent”.

Nel 2009 ha collaborato con i “Radiofreccia Torino”, tributo ufficiale a Ligabue, proponendo il concerto del Tour “Nome e cognome”del 2006. Con questa formazione ha avuto l’occasione di condividere il palco con Robby Pellati, Antonio Righetti e Max Cottafavi, musicisti storici della band di Ligabue.

 Nel 2010 ha collaborato nel progetto “ MIA compagna di viaggio” insieme al gruppo musicale “Khorakhané”, che proponeva tributo a Mia Martini; il progetto è nato e si è evoluto grazie alla forte collaborazione del noto fotografo Guido Harari.

Sempre nel 2010 ha partecipato alle registrazioni dell’album “Mascharias” del gruppo “Ramà”.

Dal 2011 al 2018 ha fatto parte del gruppo occitano “Lou Dalfin”, con cui ha realizzato “Cavalier Faidit” (2011) e “Musica Endemica” (2016). Con loro ha avuto l’onore di partecipare a importanti manifestazioni, quali Estivada (Rodez), EuropaCantat, Hiroshima Mon Amour, Flog, … e di condividere il palco con artisti di fama mondiale, tra i quali Manu Chao, Roy Paci, Papet Jali (Massilia Sound System), Steph e Iza Mellino de Les Negresses Vertes, Richard Galliano…

Insieme all’associazione Lou Dalfin collabora nelle formazioni: “Grande Orchestra Occitana”, “La Quimera” e “Calendau”.

E’ stata membro effettivo del gruppo folk tradizionale “La Mesquia” con cui ha realizzato l’album “En l’aire i lamont”(2011), “Podre”(2013) e ha vinto l’edizione 2015 di “Suonare@Folkest” (Friuli).

Dal 2012 collabora col gruppo torinese LabGraal con cui ha partecipato alla realizzazione del loro cd “Native”.

Fa parte della formazione Irish Rovers, gruppo che propone repertorio di musica irlandese tradizionale e non (The Pogues, Flogging Molly, Dropkick Murphys, The Dubliners…).

Dal 2016 è coinvolta nella formazione “Gran Bal Dub: Berardo+Madaski” in cui si uniscono le melodie, i timbri degli strumenti tradizionali alle suggestioni e ai ritmi elettronici di dub-step, dance-hall e techno. Con loro ha avuto la possibilità di poter suonare alla “Notte della Taranta”(2018). Nel 2019 esce il primo album del progetto “Benveguts a bord”.

Dal 2018 fa parte di “Confluénçia” (dal provenzale “Confluenza”), un collettivo italo-francese di musica popolare che nasce dall’unione di cinque musiciste provenienti rispettivamente da Martigues, Gap, Brignoles, Nizza e Cuneo.

 

 

Per quanto riguarda l’insegnamento tiene corsi di violino presso: l’Istituto musicale “Don Allemano” di Venasca,“Una rete per la musica occitana” di Cuneo e vallate limitrofe, l’Istituto musicale di Caraglio, Palcoscenico Art Performing di Cuneo. Inoltre collabora dal 2010 con l’Accademia Perosi di Biella nei laboratori “CantarSuonando!” e “AscoltarCantando!”rivolti alle scuole primarie, facenti parte del progetto Diderot, finanziato dal Fondazione CRT.

Nell’anno scolastico 2013-2014 ha collaborato con la Fabbrica dei Suoni nel progetto “Suono anch’io” presso la scuola primaria di Sampeyre.

 

Gallery